Dei giornali di gossip e del loro colorito linguaggio

pubblicato in: Pensieri | 0

 

 

Uno dei motivi per cui mi piace andare dal parrucchiere è leggere i giornali di gossip.

No, non sono come quelli che “ Figurati! Io li leggo solo dal parrucchiere, mi rilassano” e poi se li interroghi, sanno anche il numero di scarpe di Briatore. Quelli che entrano con Lime nella borsa e che, appena nessuno guarda, inseriscono fra le pagine Chi o Vip e guai se, quando tornano dal lavatesta, si accorgono che è sparito. No, io sono invece proprio una di quelle che appena arrivo saccheggio il portariviste e faccio la scorta, difendendo con sguardo feroce chiunque cerchi di sottrarmeli. Perché io amo il gossip e spesso il mio parrucchiere per farmi dispetto mi fa trovare giornali noiosi come Grazia, Amica, Panorama . Comunque, tornando al gossip mi sono informata presso il mio edicolante e ho scoperto che chi acquista giornali ‘seri’,  il modo di infilare fra il Corriere e l’Espresso, un Diva e Donna o un Top, lo trova sempre. “E’ per la nonna”, “Lo legge la badante che vuole imparare l’italiano”, abbozza quando l’edicolante, cui non gliene può fregare di meno, li fa emergere dalla mazzetta per calcolarne il prezzo.  E ditelo che vi piace guardare dal buco della serratura, e che se Belen fa le corna al marito, vi sentite meno male quando succede che vostra moglie occhieggia al manzo vicino d’ombrellone.  O che se Simona Izzo va al Grande Fratello Vip per far studiare i nipoti, avete meno scrupoli a vendere la pendola per nonno per pagare la prima rata di Università a vostro figlio!

30: ne ho contati 30 stamattina in edicola ed hanno tutti una loro specializzazione. C’è la fascia Gossip puro, quella Spy e Giallo all’Italiana,  e c’è anche la sezione Miracoli, sull’onda lunga di Paolo Brosio e Medjugorje.

Sesso Sangue Soldi pagano sempre.  Se il direttore di Internazionale potesse, in copertina invece della Merkel ci metterebbe Megan Fox.   E comunque il linguaggio del gossip magazine in questi anni si è notevolmente evoluto e, a voler essere sinceri,  ho riscontrato un curioso tentativo  di alfabetizzazione a cui va reso un certo merito. L’altro giorno, per esempio, mi è capitato di leggere un articolo che parlava di un’attrice che ha spesso interpretato ruoli di natura shakesperiana. Beh, dopo la scritta William Shakespeare  ho letto, giuro, fra le famigerate parentesi  che riportano età del fotografato e spesso peso e altezza, “Si pronuncia scespìr”…  Fanno o non fanno tenerezza?  Ma è il linguaggio, le metafore,  i “dico e non dico” che fanno del giornale gossip una lettura spassosa e irrinunciabile. Un solo esempio. Quando i vip si separano, il giornale di gossip non aizza il lettore all’odio verso uno dei due coniugi, ma lo porta a pensare che la gente di spettacolo, i principi, i calciatori o i socialities ( si pronuncia soscialait) ossia le persone che fanno vita mondana, siano estremamente civili nel trattare il loro privato. Bugia!  “ Pippo e Pippa dopo anni di amore hanno deciso che le loro strade si dividono. In virtù del grande amore che li ha uniti, e per il bene dei figli, la loro  è stata una separazione amichevole e senza strascichi”. La lettura esatta è: Pippo e Pippa dopo anni di corna, dispetti e menzogne,  hanno capito che non possono più condividere neanche il sapone liquido perché si prenderebbero a cinghiate. Lui (o Lei) gli ha sguinzagliato dietro tutto lo Studio Bernardini De Pace, anche i praticanti, perché dice che vuole sbucciarlo come una banana e lasciarlo in mutande.

Io invidio i colleghi delle testate scandalistiche: hanno una fantasia che farebbe impallidire J. K. Rowling, possono contare su uno stuolo di avvocati che li difendono da denunce di diffamazione e infine, fra un po’ saranno gli unici della categoria a continuare a lavorare.

Molti anni fa Arbore e D’Agostino compirono un’impresa memorabile. Analizzando il linguaggio di queste riviste riviste, all’epoca si contavano sulle dita di una mano,  individuarono una specie di vademecum per comprendere a fondo il significato di certe frasi. Una sorta di bignamino del Gossip che anche oggi ha il suo perché. Ecco alcuni esilaranti esempi, da me aggiornati con gli ultimi neologismi,  che ancora oggi furoreggiano tra le pagine degli  “spetteguless “magazine.

 

AFFETTUOSA AMICIZIA: Trattasi di due noti amanti bigami che fornicano furiosamente da mesi con soddisfazione di entrambi.

 

DOPO AVER ATTRAVERSATO UN PERIODO BURRASCOSO: Perifrasi che nasconde guai giudiziari, evasione fiscale,  furto di posate al Grand Hotel e favoreggiamento della prostituzione.

 

MISTERIOSO MALESSERE: Smorfia dovuta a colica renale o attacco di colite di famoso personaggio femminile contrabbandata per “evidente” sintomo di trepida attesa di lieto evento.  Varianti “Pancino sospetto” .

 

ONDA GALEOTTA: Inesistente movimento marino che permette alla star in modalità autopromozionale, di esibire glutei, seni, ghiandole e qualsiasi zona erogena possa interessare l’obiettivo del paparazzo complice.

 

IMMEDIATA SIMPATIA: Congiunzione carnale a prima vista.

 

SIRENETTO ( ormai in disuso): Personaggio di sesso maschile, di solito infelice nel corpo e nello spirito,  photoshoppato furiosamente e contestualizzato in location caraibiche.

 

STA VAGLIANDO LE OFFERTE DEI PRODUTTORI: Attempata attrice ( o attore) , già sulla cresta dell’onda, attualmente e disperatamente senza lavoro. Varianti “In questi mesi ho fatto molto teatro”.

 

SILHOUETTE APPESANTITA: Chili e chili di grasso e cellulite cascante su fianchi , glutei, polpacci, braccia, guance e lobi, appartenenti a star, starlette ma anche a uomini politici gaudenti, giornalisti golosi e sportivi in disarmo.

 

RITOCCHINO: Ciclo di pesanti interventi di chirurgia estetica iniziato, appunto, come ritocchino , e degenerato in stravolgimento della fisionomia originale tanto da rendere l’interessato completamente irriconoscibile anche ai suoi stessi familiari.

 

PAUSA DI RIFLESSIONE: Inevitabile  dichiarazione pubblica quando una nota coppia, esempio di felicità coniugale,  è ormai separata da anni, ha già figliato con i rispettivi compagni segreti  ma agli occhi del pubblico, per ragioni di protocollo, deve ancora risultare indissolubilmente unita.  Si adotta soprattutto con regnanti europei e politici al governo.

 

SCAMBIO DI TENEREZZE LONTANO DA OCCHI INDISCRETI: Accoppiamenti fantasiosi, fellatio e altre pirotecniche esibizioni sessuali su yacht, terrazze vista mare, spiagge deserte, ripresi da teleobiettivi con dimensioni pari a un radiotelescopio da paparazzi più o meno complici degli interessati.

 

Mi piacciono i giornali di gossip perché mi piace spiare dal buco della serratura.
Perché vedere attrici e modelle con la cellulite,  me le rende più simpatiche e umane  e mi  sembra più sopportabile alzarmi all’alba per andare a camminare.
Perchè quando le vedo  far la spesa al supermercato, senza trucco, con i capelli sporchi e con la tuta sformata, mi dico che io quelle cose lì non le farei mai.

E se mai le facessi, mi piacerebbe che fosse scritto. “Anna Magli mantiene il suo fascino anche nella vita di tutti i giorni: eccola nella foto colta in un momento di relax lontano dai riflettori”.

Condividi

Lascia una risposta